Le Olimpiadi, quando lo sport unisce

Per leggere la pagina clicca qui

Il mondo dello sport raccontato dagli alunni della classe prima E della scuola Bonifacio. Gli studenti sono seguiti dalla prof Greta Ghiselli. Le olimpiadi: l’espressione dello sport dall’evento degli dei a un obiettivo comune. Fin dall’antichità i giochi sportivi sono stati praticati da giovani e adulti, ma è nell’Agosto del 776 a.C. che ad Olimpia, nella Grecia occidentale, si svolse la prima Olimpiade della storia. Quest’evento, dedicato agli dei, è durato un solo giorno e l’unica specialità praticata è stata la corsa. Nel corso del tempo, i giochi olimpici hanno iniziato a durare più a lungo: i giorni delle competizioni sono diventati cinque e anche le discipline sono aumentate: oltre alla corsa (con circa tre distanze) c’erano il lancio del disco e del giavellotto, la lotta e il pugilato. Il vincitore veniva premiato con la fiaccola olimpica, che da allora viene accesa nella cerimonia di apertura delle Olimpiadi. Dopo 1516 anni di storia, il 6 aprile 1896, si tenne ad Atene la prima Olimpiade dell’Età Moderna. La competizione fu vinta da Spiridon Louis, che divenne eroe nazionale greco. Tra le varie edizione, molti ritengono che l’Olimpiade svoltasi nel 1936 a Berlino sia stata una tra le più incredibili della storia: era il tempo in cui erano appena state promulgate le leggi razziali che vietavano, in questo caso, l’accesso agli atleti di colore e a quelli ebrei, ma nonostante ciò un atleta afroamericano di nome Jesse Owens uscì vincitore dalle competizioni, sotto lo sguardo attonito di Adolf Hitler. L’ultima Olimpiade si è svolta nel 2006 a Rio de Janeiro, in Brasile. Dopo 5 anni, da Rio 2016, la fiaccola ricomincerà ad ardere nel 2021, nonostante ci sia ancora l’emergenza Covid 19. Gli stadi principali dove si terranno le gare sono: lo stadio nazionale olimpico di Tokyo, lo stadio internazionale di Yokohama, lo stadio Saitama e lo stadio Miyagi. Proprio a causa della situazione pandemica, vi saranno alcune differenze rispetto alle precedenti edizioni: all’arrivo gli atleti e il loro staff verranno sottoposti a tampone e alla quarantena obbligatoria di 14 giorni. Inoltre, ogni atleta verrà sottoposto a tampone ogni tre giorni. Di 10.500 atleti iscritti, pare tuttavia che solo 6.000 potranno partecipare alla cerimonia di apertura, il 23 luglio 2021. I cronisti della Bonifacio