A tu per tu con il medico. Lezione di vita

Per leggere la pagina clicca qui

Per il Campionato di Giornalismo, noi alunni della classe seconda B dell’istituto Venezze, abbiamo intervistato in videoconferenza il papà del nostro compagno Matteo, il dott. Alessandro Gemelli che è nefrologo e che lavora all’ospedale di Rovigo che è in sinergia con quelli di Trecenta e di Adria. La lezione è iniziata con un’introduzione generale sulla professione del medico, ci ha spiegato che esistono varie specializzazioni per i cui i medici hanno competenze diverse per branche di malattie. Ad esempio ci possono essere medici diversi per le varie fasi della vita come il pediatra o il geriatra, che si occupa della vita della cura delle persone dai 75 anni in su; o altri specializzati in alcune parti del nostro organismo come il cardiologo, il neurologo, l’ortopedico, il nefrologo, il gastroenterologo. Gli abbiamo chiesto prima di parlarci della sua specialità come è nata la sua passione per la medicina. Ci ha risposto che è nata negli ultimi anni delle superiori grazie al padre, anche lui medico. Inoltre voleva svolgere un lavoro che gli permettesse di aiutare le persone. Dopo la laurea in medicina che è un corso di studi che dura sei anni, si è specializzato in nefrologia, altri quattro anni, perché durante la laurea ha scoperto che le malattie ai reni sono molto più diffuse di quanto si possa pensare, soprattutto negli anziani. La sua specialità che è appunto la nefrologia (dal greco nefros=rene e logos=discorso) studia l’apparato escretore e i reni. Ci ha spiegato che dobbiamo eliminare gli scarti del nostro corpo e questo avviene attraverso l’urina. Così scarichiamo sostanze tossiche. Il nostro apparato escretore è complesso e va ad acqua. Più si beve meglio funziona il nostro organismo. Il nostro corpo infatti è composto per il 60% di acqua che è la nostra benzina che fa funzionare i nostri reni che sono due. Quindi si deve bere molto non solo per mantenere in salute i reni ma anche per la salute di tutto l’organismo. Spesso si sente parlare di coliche renali, una malattia che colpisce i reni raramente danneggiandoli, in quanto quasi sempre si tratta di una cosa fastidiosa ma passeggera. Questa patologia provoca un dolore ai reni causato da un sassolino di calcio, detto calcolo, che va a bloccare l’organo. Una delle cause principali di questo problema è che si beve poca acqua. La classe seconda B