La ‘bussola speciale’ aiuta nelle decisioni

Per leggere la pagina clicca qui

In storia abbiamo studiato la scoperta e la conquista dell’America, in particolare i conquistadores, spietati avventurieri spagnoli che distrussero intere civiltà d’America e ne fecero la “nuova Spagna” e la “Nuova Castiglia”. Questo è il motivo per cui in classe abbiamo visto il film d’animazione “Pocahontas” della Walt Disney, ambientato nel 1607 in Virginia: anche se in questo racconto i colonizzatori sono inglesi, si comprende bene il tema della colonizzazione. Infatti, nel film sono trattati temi molto belli e molto importanti, in particolare il rispetto delle cose e delle persone diverse da noi: nel film c’è la terra dei “selvaggi” coi suoi abitanti, ma nella vita di tutti i giorni possiamo riferirlo all’accettare gli altri per quello che sono, anche se diversi da noi… altrimenti saremmo solo tante fotocopie in un mondo gigantesco. Ho riflettuto molto sulla storia studiata e sul film, e ho capito come gli europei siano stati ciechi e ingiusti a disprezzare le civiltà precolombiane: hanno massacrato civiltà che neanche conoscevano, e che per questo chiamavano “selvaggi”… non hanno pensato che potessero essere loro i veri selvaggi, visto che hanno negato a quella povera gente il rispetto di cui aveva diritto? Questa storia purtroppo non è isolata, e si collega con molte tirannie, del passato e del presente. Un altro tema importante è comprendere che non sempre la via giusta è quella più semplice, perché essa può essere anche difficile, avventurosa o molto lunga, e questo nel film si capisce grazie alla tenacia di Pocahontas e John Smith, che ne passato tante ma alla fine riescono nel loro intento: creare fratellanza e amore tra mondi diversi. Questa via, anche se dura, era davvero giusta. Ma il film ci insegna anche che la via giusta non è sempre quella che ci piace di più: con grande dolore, Pocahontas e John Smith alla fine rinunciano a stare insieme, per il bene più grande per tutti: “Io servo qui”, dice Pocahontas, lasciando partire John Smith. Ma sapere quale sia la via giusta non è sempre molto facile… infatti io alcune volte mi pongo questa domanda: “Sto facendo davvero la cosa giusta?”; alcune volte a questa domanda riesco a dare una risposta, seguendo quello che dice il mio cuore; altre volte però accade di agire d’istinto, oppure di rimanere lì, fermi e incapaci di scegliere, insieme a tanti dubbi e senza riuscire a parlare con nessuno per via della paura. La protagonista Pocahontas invece, ogni volta che non sa cosa fare, ascolta i consigli di qualcuno più saggio di lei, e dopo chiede al cuore di suggerirle la cosa giusta; guardando il film allora ho capito che, quando c’è il desiderio di fare il più grande bene per tutti, la voce del cuore, aiutata dalla sapienza, può essere una bussola che porta sulla via giusta. Dopo la visione di questo film, proverò ad ascoltare di più la mia “bussola speciale”, e consiglio anche a voi di trovare il prima possibile la vostra… perché vi servirà! Rachele Montaleone, classe seconda Scuola secondaria di primo grado paritaria ‘Sacro Cuore’ di Lugo Prof.ssa Lara Menniti © RIPRODUZIONE RISERVATA