La tecnologia nasconde tanti rischi

Per leggere la pagina clicca qui

Ormai da decenni stiamo assistendo allo sviluppo vertiginoso della tecnologia, che sembra inarrestabile. Ogni giorno vengono sviluppati nuovi robot, nuovi smartphone e nuove app destinate a cambiare il nostro modo di vivere e a influenzare le nostre idee. Soprattutto nell’ultimo decennio hanno visto la luce tantissimi nuovi prodotti come le macchine elettriche e gli orologi bluetooth, oltre a modelli di smartphone e computer portatili sempre più raffinati, dai quali possiamo scaricare applicazioni utili non solo al nostro lavoro, ma anche a passare il tempo libero. Al giorno d’oggi sarebbe impossibile vivere senza un dispositivo elettronico, soprattutto per la maggior parte dei giovani, che sono nati quando queste tecnologie erano già esistenti e che, in un certo senso, le hanno viste crescere insieme a loro. Ma le risorse offerte dalla tecnologia, se usate male, sono foriere di pericoli. Tutti abbiamo difatti sentito parlare del caso di una bambina italiana di dieci anni che, a febbraio, si è strangolata facendo un challenge per un video pubblicato su Tik Tok. Dopo due settimane dall’accaduto il garante della privacy ha imposto la dichiarazione della la data di nascita a tutti gli utenti della piattaforma per procedere alla cancellazione degli account di coloro che non superavano l’età di 13 anni. La privacy è una cosa importantissima che stiamo un po’ trascurando. Dobbiamo difatti essere consapevoli che, quando accediamo con il nostro account Google ad una applicazione, stiamo fornendo i nostri dati personali. Anche se l’applicazione è gratuita, noi in realtà la paghiamo con i nostri dati. Vi è mai capitato di guardare un prodotto su internet, per esempio un paio di scarpe, e di ritrovarvelo due giorni dopo, come per magia, come suggerimento di acquisto in una promozione on line? I telefonini dunque non sono così innocui, ma, in un certo senso, ci spiano. Questo perché la rete è una grande macchina da soldi. Su Instagram ad esempio troviamo non solo gli account di persone famose che si fanno pubblicità, come attori e politici, ma anche quelli di influencer, che guadagnano raccontando la propria vita e collaborando con varie aziende, e di fashion blogger, che fanno vedere vestiti o accessori di moda. Tra gli italiani più celebri in rete c’è sicuramente Chiara Ferragni, influencer molto seguita e amata ma anche oggetto di critiche e di antipatie, forse perché rende pubblica la sua vita privata e ostenta quella ricchezza materiale guadagnata proprio sulla rete. Matteo Rossini