Draghi, premier che piace all’estero

“Per leggere la pagina clicca qui”

Sabato 13 febbraio 2021 Mario Draghi è diventato ufficialmente il nuovo Presidente del Consiglio del nostro Paese, subentrando a Giuseppe Conte. In questi giorni abbiamo sentito molto parlare di lui in merito alla crisi di governo, ma chi è veramente quest’uomo? Classe 1947, romano, Draghi è sposato dal 1973 e ha due figli; è un uomo riservato ma determinato e molto abile nel suo lavoro, e lo si deduce osservando le tappe della sua carriera riassunte sotto. Draghi si laureò in economia all’Università della Sapienza, nella Capitale. Dal 1991 al 2001 guidò il Ministero del Tesoro in modo efficiente, avviando la privatizzazione delle banche e di alcune società, come quella delle telecomunicazioni e in parte anche dell’Enel e l’Eni. Nel 2006 venne nominato Governatore della Banca d’Italia in seguito alle dimissioni del suo predecessore, Antonio Fazio, coinvolto nello scandalo Bancopoli; la sua figura a capo di questa importante istituzione fu molto di aiuto al governo di allora, infatti Draghi favorì la riduzione delle tasse, quella del debito pubblico, il freno all’inflazione, il sostegno ai redditi e agli ammortizzatori sociali. Egli ricoprì questo incarico fino al 2011, quando gli venne assegnato l’incarico di Presidente della BCE, ovvero la Banca Centrale Europea. In quegli anni di forte crisi economica il banchiere riuscì a salvare l’Euro iniettando liquidità per combattere la cosiddetta «crisi del debito sovrano», che stava colpendo specialmente l’Italia, la Spagna e la Grecia; ancora oggi è ricordato per la frase in inglese «Whatever it takes» («costi quel che costi») pronunciata nel 2012 a Londra, la quale indicava che la BCE avrebbe fatto tutto il possibile per risollevare il valore della nostra moneta. Nel 2019 a Draghi succedette la francese Christine Lagard, ancora in carica. In questi anni è stato acclamato e lodato dai maggiori quotidiani e riviste mondiali, come The Times e Forbes. Chi avrebbe mai detto che questo personaggio, una delle figure economiche più stimate al mondo, sarebbe divenuto capo del governo? Sicuramente però la notorietà di Draghi e la stima che i leader hanno nei suoi confronti può essere utile perché rilancerà la squadra di governo italiano in Europa e nel mondo, un governo di tipo tecnico guidato da molti esperti in materia, e di conseguenza sarà d’aiuto nelle trattative per il Recovery Plan. Martina Arcifava 3B Scuola media Conero