Gli assurdi stereotipi della bellezza

Per leggere la pagina clicca qui

L’idea di bellezza si basa su canoni imposti dalla società. La ragazza bella è solo quella perfetta: senza un minimo di cellulite, magra, né troppo alta, perché se no le gambe non verranno belle, né bassa, perché se è considerata quasi invisibili. Inoltre se una donna è troppo magra si può sentir dare dell’anoressica, se è in carne si può sentir chiamare balena… Anche gli uomini per essere considerati attraenti devono rispondere a certi requisiti, dovendo essere alti, magri, ma anche muscolosi; ciò contribuisce a trasmettere l’idea secondo cui tutti coloro i quali non rispecchiano questo modello sono «sfigati», valgano meno… Bisognerebbe smetterla di avere queste paranoie per la testa! Ogni persona a modo suo è meravigliosa e nessuno deve e dovrà mai permettersi di smentirla o dire il contrario. Conoscete il detto: «Il mondo è bello perché è vario»? Ecco, immaginate voi un mondo tutto uguale, senza che nessuno sia diverso dall’altro, senza sentimenti, emozioni e caratteristiche fisiche diverse. Sarebbe un incubo. Potremmo citare un episodio successo ad una ragazza, ad una modella, chiamata a sfilare per Gucci, che credo possa far riflettere molto su quanto l’idea di bellezza sia soggettivo. La scelta di questo brand, secondo molte persone, è stata sbagliata, poiché la ragazza non «presentava» le giuste caratteristiche per sfilare per una casa di moda così importante. Ciò che però ha lasciato a bocca aperta il pubblico è stato proprio il modo con il quale la donna ha risposto agli insulti che le erano stati rivolti via social: «Questa è cattiveria pura, ma non riuscirà a sminuirmi, perché, intanto, cari haters, loro hanno scelto me». Tale affermazione, con la quale questa ragazza di appena ventitré anni è riuscita a far tacere agli haters, è stata davvero inaspettata! Armine Harutyunyan (la modella di Gucci) è una delle ragazze più ricche al mondo, in questo momento. L’episodio in questione dovrebbe aiutare ogni ragazzo a superare le sue paranoie che gli vengono messe in testa da persone che, invece che criticare, lo dovrebbero accettare per quello che sono. Ognuno a modo suo è bello, con le proprio caratteristiche fisiche, comportamentali, i propri difetti e id i propri pregi. I canoni di bellezza hanno distrutto la vita di molti adolescenti e ciò è inaccettabile. Si deve dire basta, ma i primi a farlo debbono essere quelli che non si accettano per quello che sono. Martina Cottellessa IIIC