«Ecco com’è una famiglia tutta ’positiva’»

Per leggere la pagina clicca qui

Nella mia vita ho sempre pensato che essere positivi sia un vantaggio, un’opportunità per vivere meglio anche la semplice quotidianità, ma non avevo fatto i conti con il 2020, anno della ormai tanto nota pandemia, che ha coinvolto tutto il mondo. Ebbene, oggi come oggi, sarebbe opportuno bandire dal vocabolario l’aggettivo POSITIVO, perché… non è proprio una fortuna esserlo! L’ho vissuto sulla mia pelle, anzi, molto di più sulla pelle dei miei genitori. La nostra avventura è cominciata il 25 ottobre 2020, quando mia madre ha iniziato ad avere un gran mal di schiena. Il giorno dopo era immobile nel letto, accudita da mio padre. Ebbene, dopo due giorni anche mio papà si è allettato e da lì è iniziato uno sconvolgimento generale. I miei genitori, per precauzione, hanno proibito a me e ai miei fratelli di avvicinarci alla camera da letto, ci hanno imposto l’uso delle mascherine in casa e si sono letteralmente isolati da noi. Da quel momento, noi figli ci siamo dovuti rimboccare le maniche e fare tutto quello che, prima di allora, non avevamo neanche idea di come si facesse. Io mi alzavo al suono della sveglia e andavo a svegliare i miei fratelli; poi, ci dividevamo i compiti, per cui uno preparava le colazioni, l’altro apparecchiava e mia sorella cominciava a rifare i letti. Il peggio non era ancora arrivato, però: dopo 10 giorni, mio papà è stato ricoverato in terapia intensiva per Covid. E’ iniziato ufficialmente il nostro isolamento fiduciario e la DDI, che mi ha fatto capire tante cose: l’affetto dei miei insegnanti, che mi è arrivato subito e la vicinanza dei miei compagni, che mi hanno anche scritto una bellissima lettera. Successivamente, anche mia mamma è risultata positiva al tampone. La mia mente ha elaborato tanti pensieri: la mancanza di un abbraccio o di una carezza dai miei genitori mi è pesata tanto, la loro assenza nella nostra vita è stata pesante, la gestione della casa è stata difficile. Dopo un po’di giorni anche noi figli siamo stati sottoposti al tampone, ma i miei due fratelli sono risultati positivi, mentre il mio esito era incerto, per cui io ho dovuto rifare il tampone per la seconda volta. Con il mio esito, siamo diventati la prima famiglia tutta positiva! Gabriele Zaccaro, II C