«Così trasformiamo le emozioni in immagini»

Per leggere la pagina clicca qui

POLLENZA

di Lorenzo Monachesi

Gli studenti della scuola Vincenzo Monti di Pollenza hanno realizzato il poster dal titolo «Stagioni», al momento è stato sviluppato il tema dell’autunno e in questi giorni è in lavorazione il poster sull’inverno. L’iniziativa si inserisce nel quadro di attività finalizzate a far scoprire ai ragazzi i valori materiali e immateriali presenti nel loro ambiente di vita. Ecco le opinioni di studenti e studentesse di prima B sull’iniziativa. Francesco Petritoli: «Ho fatto le mie foto durante una passeggiata esplorativa, guidata dalla nostra professoressa. Ho scelto gli scatti fatti ai ’Pincetti’ perché c’erano tante foglie fruscianti e un bell’albero. Non farò il fotografo, ma fotografare mi piace. Ed ora che ho cominciato lo faccio ogni volta che mi capita. Ho scattato una foto a Pollenza Scalo mentre mio padre stava lavorando». Lorenzo Coluccini: «Dato che non si poteva uscire dal Comune per la pandemia, le foto le ho scattate nel mio giardino ed ho trovato delle forme geometriche che mi hanno incuriosito. Per esempio la visione della luna «incastonata» tra i fili della corrente elettrica che formavano un triangolo». Francesca Mastrapasqua: «La scelta delle mie inquadrature deriva dall’ispirazione, dalla voglia di sperimentazione, dalla curiosità. Ritengo che le foglie e gli alberi siano i soggetti migliori e da essi traggo ispirazione. Attendendo la foto giusta per il poster intitolato «Inverno» mi sono accorta del cambiamento climatico che stiamo vivendo: i colori autunnali del paesaggio infatti tardano a cedere il posto alle tinte fredde che ci aspetteremmo in dicembre e gennaio. L’aria quasi mai è fredda davvero e non mi sembra una buona notizia». Paola Lamura: «Sono molto soddisfatta delle foto che ho fatto perché sono venute benissimo. Da questo lavoro ho imparato che la Natura è bellissima». Arianna Mucaj: «Con questa attività ho capito la felicità per un lavoro ben svolto». Francesco Lucentini: «Abbiamo voluto far conoscere il nostro territorio trasformando i nostri sentimenti, le nostre sensazioni, ma soprattutto le nostre emozioni in immagini. Spero che il nostro lavoro vi piaccia». William Vecchi: «Il tempo buono e l’aria mite ci hanno permesso di fare una passeggiata nel centro abitato di Pollenza. Una cittadina particolarmente interessante per la sua posizione geografica, privilegiata per godere del panorama. Straordinaria è la visione dell’Appennino e della campagna. Pollenza è il luogo perfetto per scattare ogni giorno belle fotografie». Phoebe Zamponi: «Ho imparato a vedere il paesaggio con occhio da fotografo, a scegliere con attenzione l’angolazione migliore ed è stata una esperienza bellissima, la rifarei subito». Shpetim Bejkosevrani: «Da questo lavoro ho imparato che con un click si può creare qualcosa di magico. Mi sono sentito come se mi fossi liberato, come se respirassi qualcosa di nuovo e mi è piaciuto».