Anche i più piccoli possono fare la differenza

“Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza” è la celebre frase della quindicenne svedese Greta Thunberg, che ci ha spinto a riflettere sui diritti dell’ambiente. Questi vengono sostenuti anche dall’agenda ONU 2030, un insieme di 17 obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile, mirati a combattere povertà, fame, analfabetismo e mutamento climatico. Fra tutti questi la nostra attenzione si èfocalizzata in particolare sul tredicesimo obiettivo “Fermare il riscaldamento globale”. Come ben saprete la temperatura nel nostro pianeta sta aumentando e ciò provoca fenomeni meteorologici gravi quali numerosi incendi, frane, uragani, scioglimenti dei ghiacciai e alluvioni. I traguardi di questo obiettivo sono indirizzati a mettere in atto ogni misura per fermare l’aumento delle temperature, favorire la ripresa e l’ adattamento ai rischi legati al clima e ai disastri naturali, integrare le misure di cambiamento climatico nelle politiche, strategie e pianificazione nazionali e in particolare aiutare finanziariamente i paesi più poveri per combattere le conseguenze climatiche. Tra le grandi catastrofi ambientali ricordiamo il lento scioglimento dei ghiacciai, l’incendio di oltre un quinto delle foreste presenti in Australia e sempre qui il “Ciclone Tropicale Zane”, un tremendo uragano che già all’inizio della sua formazione ha causato numerosi danni e l’inizio dell’estinzione degli orsi polari. Esistono numerose organizzazioni che si occupano di salvaguardare le specie a rischio estinzione, nominiamo in particolare il WWF, un’organizzazione mondiale che si occupa di conservare natura, habitat e specie a rischio. Questo tremendo scenario è causato in gran parte dal riscaldamento globale, a sua volta determinato dall’azione dell’uomo, quindi la domanda che ci siamo posti è: “Cosa può fare un tredicenne per combattere il riscaldamento globale?”. Sappiamo che diventare ecosostenibili non è semplice, basterebbero però pochi gesti per fare la differenza. Le azioni possibili sono numerose a partire dalle più banali, come fare la raccolta differenziata, non sprecare risorse preziose come l’acqua, utilizzare forme di energia alternative ed adottare in generale comportamenti che rispettino l’ambiente. Il luogo principale dove trattare questi argomenti è sicuramente la scuola, la nostra in particolare ha aderito lo scorso anno a numerose iniziative, come il progetto “Ecoidea” promosso da Hera e il Pulisciambiente realizzato lungo le vie del nostro paese. Non dimenticate quindi che anche noi, nel nostro piccolo, possiamo fare la differenza! Classe 3B

per leggere la pagina clicca qui