Cimice asiatica, ecco il pericolo ‘alieno’

Proviene dal Giappone e dalla Cina, nel suo ambiente si riproduce una volta l’anno, in Italia quattro volte e sembra non avere predatori naturali.La cimice asiatica corrisponde, per forma e dimensioni, da 1.2 a 1.7 cm, a una qualsiasi cimice europea, ma ha colorazione marmorizzata e cinque tacchette ai lati, bianche e triangolari. Trascorre l’inverno all’interno degli edifici, in vani e fessure, che abbandona in primavera per tornare sulle piante. Ha carattere gregario e si sposta in gruppi molto numerosi. È solo l’ultimo dei parassiti alieni,che hanno invaso l’Italia. Sta distruggendo i raccolti nei frutteti e negli orti. Nel pesarese, contro questo lepidottero, sta ingaggiando una vera e propria lotta, green, sostenibile, biodinamica, Luciano Baronciani. Noi de la “Enrico Campanini – La Nuova Scuola” di Pesaro l’abbiamo incontrato e intervistato, essendo produttore e fornitore di frutta di grandi Supermercati pesaresi come l’Iper Conad. Ci ha assicurato: «La sostenibilità è entrata al Conad! Sta vincendo! Ecco il perché: i vecchi insetticidi uccidevano quasi tutti gli insetti di un frutteto, distruggendo quindil’ecosistema, inteso come equilibrio naturale e dinamico della piantagione. Oggi stiamo utilizzando tecniche innovative, come l’utilizzo di profumi, non percepiti dall’uomo, ma molto pungenti per le cimici, tali da far confondere l’odore della femmina al maschio, impedendogli così di accoppiarsi e di riprodursi. Altra tecnica consiste nel piantare semi in determinati periodi dell’anno, in corrispondenza delle fasi lunari». Baronciani ci ha raccontato che suo nonno e suo padre andavano di casa in casa a vendere la propria frutta. A quell’epoca, contadini e produttori sapevano quale frutta convenisse coltivare e i consumatori, d’altro canto, da chi e cosa stessero comprando. Ora, questa dinamica è sostituitadaetichette adesive, biodegradabili o facilmente riciclabili: mostrano la qualità del prodotto agroalimentare, così come la filiera “a chilometro zero” da cui proviene. (Classe terza)

per leggere la pagina clicca qui