Alpini, militari per passione con la piuma

Gli Alpini a Casalgrande. Il Comune di Casalgrande venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 settembre 2019 ha ospitato la 63ª adunata provinciale degli Alpini, nel centenario della fondazione del Corpo Provinciale. Alla scuola secondaria di primo grado, nella mattinata di sabato, è stata organizzata una prova di evacuazione con l’aiuto degli Alpini e della Protezione Civile: la prova è avvenuta con il supporto di cani addestrati al ritrovamento delle persone scomparse. Nel nostro caso gli intrepidi animali hanno partecipato al ‘recupero’ di alcuni studenti, nascosti in punti strategici, a scopo dimostrativo. Noi ragazzi della II F abbiamo voluto rendere omaggio a questo Corpo Militare, tracciandone brevemente la storia e la sua evoluzione nel corso del tempo. Giovedì 19 settembre siamo andati nell’aula di proiezione per ascoltare gli Alpini. Ci hanno spiegato il loro scopo, cioè difendere le zone alpine. Infatti, come abbiamo studiato in classe, il corpo degli Alpini è stato fondato nel 1872, subito dopo l’Unità d’Italia, dal generale Giuseppe Perrucchetti a scopo militare. Perrucchetti era un militare e un grande studioso e voleva proteggere l’arco alpino dagli Austriaci. Gli Alpini, infatti, sono le truppe italiane di montagna. Ora che siamo in tempo di pace si occupano della solidarietà. La caratteristica di ogni alpino è la piuma sul cappello che cambia in base al grado: se la piuma è bianca, chi la indossa ha il grado di Generale. La divisa degli Alpini è formata da un’uniforme di colore grigio-verde e da un cappello. La piuma può essere di corvo o di aquila e, sempre sul cappello, troviamo uno stemma di metallo rappresentante un’aquila ad ali spiegate. Per fortuna ora non vanno più in guerra per l’Italia, ma la aiutano facendo volontariato. Infatti aiutano le persone in difficoltà, ad esempio i terremotati, perciò organizzano feste per raccogliere fondi per donarli in beneficenza. I militari che sono venuti a scuola ci hanno detto che hanno scelto il Corpo degli Alpini per passione. Abbiamo capito che questi uomini sono persone fantastiche, gentili, disponibili e salvano gli altri mettendo a rischio la propria vita. Inoltre nella Prima e nella Seconda Guerra Mondiale hanno combattuto in condizioni terribili, con temperature rigidissime e, pur partendo svantaggiati, con armi inferiori, si sono battuti coraggiosamente. Per diventare Alpini bisogna saper scalare, resistere alle basse temperature e aver avuto un addestramento militare. Le qualità che un alpino deve avere sono l’altruismo, la generosità, l’amore, il coraggio e un grande senso patriottico. Perciò concludiamo affermando: evviva il Corpo degli Alpini! Classe II F

per leggere la pagina clicca qui