L’acqua: un bene prezioso per ognuno di noi

“Laudato si’ mi’ Signore, per Sor’Aqua, la quale è molto utile et humile et pretiosa et casta.” Tramite questi versi, tratti dal “Cantico delle Creature”, possiamo ricondurre l’Obiettivo 6 ad origini ben più lontane. San Francesco aveva compreso che l’acqua era un bene indispensabile per la vita. L’umiltà dell’acqua: un dono della natura, considerato ordinario dai Paesi privilegiati, ai quali sembra scontato averla a loro continua disposizione non solo per uso domestico, ma anche per le funzioni igienico-sanitarie; tuttavia nei paesi più indigenti l’acqua è un elemento che scarseggia, quando non è del tutto assente. Una risorsa sempre più rara e preziosa, poiché, da un lato, a causa del surriscaldamento globale si sta aggravando il problema della siccità, dall’altro la popolazione umana è in continua crescita, con relativo consumo in aumento, e l’acqua dolce è in via di esaurimento. Casta: questo è quello che di solito si associa all’acqua; un’acqua pulita è alla base della vita, ma ad oggi non è poi così cristallina a causa dell’inquinamento che mette a rischio la salute degli esseri umani, ma anche quella delle creature che abitano mari, fiumi, laghi e corsi d’acqua, le quali muoiono o vengono danneggiate da ciò che noi uomini abbiamo creato con il nostro egoismo legato al profitto. Ogni giorno migliaia di bambini si ammalano e muoiono per malattie causate dall’acqua insalubre e dalla scarsa igiene. L’aggettivo utile sottintende che un mondo senza acqua sarebbe inimmaginabile: basti pensare alla nostra routine quotidiana, dove l’acqua ha un ruolo emergente. Eppure ad oggi sono ancora presenti persone che non ne hanno accesso, solo il 3% dell’acqua nel mondo è dolce, intrappolata principalmente in falde sotterranee e ghiacciai, e il 40% della popolazione non ha ancora la possibilità di utilizzarla. Tra qualche anno si stima che saranno più di tre miliardi le persone prive di questa risorsa vitale! Per risolvere questi problemi, cosa possiamo fare nel nostro piccolo? Virginia, Matilde, Penelope, Aurora, Jasmine, Asia, Valentino classe III A

per leggere la pagina clicca qui