Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Una super redazione con 300 cronisti. Prima Monte San Pietrangeli, seconda la “Nardi”, terza Montefalcone

GRANDE partecipazione anche alla 13ª edizione di «Cronisti in classe», il campionato di giornalismo promosso dal Resto del Carlino Fermo e riservato alle scuole medie, che ieri ha vissuto l’atto conclusivo con la cerimonia di premiazione. Quest’anno hanno aderito ben 27 scuole della provincia, che hanno redatto 45 pagine. «Cronisti in classe» è stato ideato con l’obiettivo di far conoscere meglio il quotidiano agli studenti, attraverso un vero e proprio ‘viaggio’ all’interno del Carlino. Tanti e vari i temi e le riflessioni trattati dagli studenti, coordinati dai rispettivi insegnanti: dall’attualità alla storia, dall’adolescenza alla musica fino alla disabilità. La giuria ha stilato la classifica dei vincitori, che ha visto al primo posto la classe II H della scuola «Ramadori» di Monte San Pietrangeli, con la pagina dal titolo “Bambini al lavoro come schiavi”. «Un incisivo e coraggioso atto di denuncia – si legge nella motivazione – teso a smascherare ciò che si nasconde dietro la fascinosa apparenza dei nostri cellulari: lo sfruttamento disumano, anche dei bambini nel Congo per estrarre il coltan, principale materiale delle nuove tecnologie». Al secondo posto la Nardi di Porto San Giorgio, con le classi I e II A che hanno redatto la pagina “Aimee e le difficoltà delle adolescenti”. «Pregevole lavoro con approccio pluridisciplinare al disagio giovanile – si legge nelle motivazioni – analizzato con sensibilità e precisione interpretativa». Al terzo gradino del podio la pluriclasse (I, II e III) di Montefalcone Appennino con la pagina “Una biblioteca nell’osteria da Quintilia”. «Il racconto di un pezzo di storia del paese – recita la motivazione – la difesa ostinata di un luogo di montagna nel quale non è sempre facile vivere, ma a cui ci si lega profondamente per la storia bella di un angolo di fermano». La giuria ha inoltre assegnato la menzione speciale del concorso alla Bacci di Casette d’Ete, per la pubblicazione della pagina “Amore e saggezza: il valore dei nonni”. «Per l’attenzione e la delicatezza – si legge nella motivazione – con cui sono stati trattati temi importanti». «Ringrazio i dirigenti scolastici, i docenti e voi studenti – ha esordito Stefano Cesetti, responsabile della redazione del Carlino Fermo –. Mi piace ricordare ogni anno che la classifica ha un valore importante, ma siete tutti vincitori, per aver dimostrato dimestichezza nella scrittura degli articoli, spontaneità e autenticità nella scelta dei temi trattati. Ringrazio gli sponsor che hanno sostenuto l’iniziativa, la giuria per l’attenzione riservata al campionato e gli ospiti della cerimonia». Paola Pieragostini [Fotoservizio Zeppilli] © RIPRODUZIONE RISERVATA

per leggere la pagina 2 clicca qui

per leggere la pagina 3 clicca qui