Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

‘Stranger school’, la scuola fa cinema

IL CORTOMETRAGGIO «Stranger School» - realizzato da noi studenti della scuola media Amedeo Savoia Aosta - ha ottenuto di recente un importante successo al Ragazzi e Cinema Festival di Bellaria. Il cortometraggio ha già vinto il Festival reggiano indetto dalle biblioteche cittadine, ‘Baobab’, è stato selezionato al Reggio Film Festival e al Sottodiciotto Festival del Cinema per ragazzi di Torino. Fino ad ora, oltre agli importanti riconoscimenti citati, non avevamo vinto ancora alcun premio. Tappa raggiunta, però, al festival di Bellaria, dove ci siamo aggiudicati ben tre premi: miglior regia, miglior trucco e premio del pubblico. Per conoscere da vicino la storia di questo cortometraggio, oggi intervisteremo i suoi protagonisti: referenti del corso e giovani attori. Quando è nato il progetto di Cinema Dentro lo Specchio, il Cinema nello Sguardo dei Ragazzi? «Il progetto è nato nel 2010 - risponde la referente del progetto, la professoressa Bertolini -, sotto la spinta di alcuni insegnanti appassionati di cinema. Da allora il progetto è inserito nel Ptof della scuola ed è annualmente proposto ai ragazzi di prima. Io lo conduco con il regista, Emanuele di Silvestro, dal 2014». Oltre all’attuale cortometraggio, ci sono stati altri importanti riconoscimenti? «Con il cortometraggio “Il Poeta”, siamo stati premiati nel 2013 al prestigioso Giffoni Film Festival. Anche il pubblico della rete ci gratifica con importanti soddisfazioni: in particolare con i 19 milioni di visualizzazioni raggiunte su Youtube con il corto “Quando la prof si gira”». Com’è strutturato il progetto? «È suddiviso in tre momenti - risponde il regista Emanuele Di Silvestro -: uno teorico sul linguaggio filmico e i mestieri del cinema, uno di scrittura e sceneggiatura per concludere con la fase operativa delle riprese video». Com’è nata l’idea di questo fortunato cortometraggio? «Il cortometraggio è nato dalla partecipazione di tutti i ragazzi coinvolti - risponde l’alunna Cristina Barberio, attrice -. Ci siamo divisi in gruppi per esaminare le idee emerse considerando e paragonando le proposte di ogni gruppo, per poi arrivare a una conclusione comune, fino a creare questa trama». Com’è stato recitare in “Stranger School”? «Recitare in questo cortometraggio - dice l’alunno Pietro Guerri, attore - è stato particolarmente divertente e stimolante grazie al fatto che abbiamo girato in un contesto di amicizia tra docenti e studenti: in particolare la professoressa Bertolini, recitando con entusiasmo con noi ragazzi, ha dimostrato una grande voglia di coinvolgerci». LA TROUPE di “Stranger School” è orgogliosa di aver avuto, con questo video, l’opportunità di fornire riconoscibilità alla scuola e di aver lasciato questo ricordo di sé. Ed ora, buona visione a tutti cercando su youtube ‘Stranger School’ postato da Emanuele Di Silvestro (https://www.youtube.com/watch?v=4WRig1mVfS4) Nicolò Montanari e Giulia Gozzi III B

per leggere la pagina clicca qui