Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Insieme a scuola di inclusione

NELLA NOSTRA società molti ragazzi ‘speciali’ vengono emarginati. L’integrazione dei ragazzi disabili è una grande sfida, che può essere vinta solo puntando sulla collaborazione. Non basta integrare le diversità e creare condizioni di normalizzazione, ma occorre fare spazio alla ricchezza e alla differenza. Soprattutto a scuola è necessario attivare percorsi inclusivi. Nel nostro istituto, infatti, abbiamo creato delle attività in cui sono i nostri compagni disabili a portarci nel ‘loro mondo’ e a farci partecipare ai loro laboratori, insegnandoci le attività che svolgono quotidianamente. UNO DI QUESTI momenti è rappresentato dal Music Lab, in cui proviamo a suonare diversi e particolari strumenti musicali. In questo modo ogni alunno ha la possibilità di sperimentare e di giocare con le diverse variazioni ritmiche, creando un clima di armonia e collaborazione. Un altro laboratorio che frequentiamo è l’Atelier di Arte. Grazie a quest’ attività ci cimentiamo con correnti artistiche di varie epoche e apprendiamo diverse tecniche pittoriche. Alcuni dei ragazzi disabili sono dei veri e propri artisti nel riprodurre fumetti o rappresentazioni della natura che li circonda; altri un po’ meno, ma è sempre una buona occasione per inventare, immaginare e sperimentare. Oltre ai laboratori inerenti alle diverse discipline, nella nostra scuola questi ragazzi ‘speciali’ praticano attività molto originali, come la creazione di pigotte, che realizziamo tutti insieme a favore dell’Unicef, la coltivazione dell’Orto e il Disco Party. In particolare l’Orto è un’attività molto entusiasmante, un luogo in cui lavoriamo insieme per far crescere nuove piantine, coltivare ortaggi e stare a contatto con la natura e, grazie al nostro impegno, abbiamo trasformato un piccolo terreno all’interno del giardino della scuola in un grande e rigoglioso orticello. Infine, una delle attività preferite a cui partecipiamo è il Disco Party, una struttura esterna all’istituto, in cui si balla, ci si diverte e si mangia tutti insieme. Attraverso queste attività abbiamo capito che per i nostri compagni ‘speciali’ a volte è difficile imparare solo attraverso i libri ed è per loro più semplice imparare dalle esperienze condivise. È proprio questo l’intento dei nostri laboratori: sviluppare la consapevolezza di saper fare cose, in modo da rafforzare l’autostima, ingrediente indispensabile nella vita di tutti noi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Per leggere la pagina clicca qui