Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

«Siamo tutti liberi, mai più leggi razziali»

MARTEDÌ 29 gennaio dalle ore dieci alle ore dodici le classi della secondaria di primo grado di Montefiorino e Frassinoro si sono recate presso la sala principale del Castello della Badia di Frassinoro per assistere a uno spettacolo del Teatro del Vento tenuto da Lando Francini. L’attore ci ha accolto e ci ha fatto sedere alternando maschi e femmine e ha iniziato declamando l’articolo 3 della Costituzione. L’articolo 3 è importante perché sancisce pari libertà e dignità a tutti senza distinzioni di razza, lingua, religione, opinioni politiche. Perché questa scelta? Perché applicando l’articolo 3 le leggi razziali non potranno più ritornare; per questo motivo è stato scelto per celebrare la giornata della memoria. La giornata della memoria è una ricorrenza che si celebra ogni 27 gennaio per commemorare le vittime dell’Olocausto; tale data ricorda la liberazione del campo di Auschwitz da parte delle truppe russe. L’attore ci ha raccontato la storia dell’autrice dell’articolo: l’articolo 3 è stato scritto da Teresa Mattei. Teresa è stata una partigiana, ma prima ancora è stata una ragazza coraggiosa e lo ha dimostrato in diverse occasioni, ad esempio quando, per la celebrazione dell’impero, tutti i ragazzi sono usciti a festeggiare tranne lei ed è rimasta sola a scuola, oppure quando ha attaccato il suo professore di biologia che difendeva le leggi razziali e, per questa ragione, è stata espulsa. In famiglia Teresa aveva sempre respirato aria di libertà: era stata educata ad esprimere le proprie idee e all’antifascismo. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, nel 1946 è stata la più giovane chiamata a partecipare all’Assemblea Costituente. I membri dell’Assemblea erano 556, di cui solo 21 donne. Si dice che sia stata lei a scegliere la mimosa per la festa della donna: la mimosa era un fiore semplice e ricordava il fiore che i partigiani regalavano alle staffette. Classe 2ª B

per leggere la pagina clicca qui