Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Alle Maestre Pie è nato il centro sportivo

CHE LO SPORT sia molto importante, ormai, lo sanno tutti. Ma molti ragazzi non lo praticano e ciò può incidere, per esempio, sul problema dell’obesità infantile. In Italia ci sono quasi un milione di adolescenti obesi, come afferma il primo rapporto sulla Salute alimentare infantile, realizzato a ottobre 2018 dall’associazione Helpcode con l’istituto Gaslini di Genova. Con un bambino obeso o sovrappeso su tre, la nostra penisola è ancora seconda in Europa per la diffusione dell’obesità infantile tra maschi (arriva al 21%) e quarta per l’incidenza tra le bambine (14%). Se il problema viene messo in relazione ai dati sull’attività sportiva, il 72% degli italiani non pratica sport, rispetto a una media europea del 60% (dati Eurobarometro 2018). Nel nostro Paese il picco massimo di attività è tra gli 11 e i 14 anni, gli anni delle medie e del biennio delle superiori. Fra i maschi lo sport più diffuso è il calcio, fra le femmine la pallavolo. Alle Maestre Pie di Rimini, l’attività sportiva è ritenuta molto importante: da inizio anno scolastico, su iniziativa del preside, che ne è anche responsabile, è stato istituito il Centro sportivo scolastico per tutti i livelli, dall’infanzia al liceo, seguendo le linee guida del Miur, per partecipare ai campionati studenteschi di livello provinciale e regionale. A seguito di questo, la scuola ha organizzato le gare di istituto di corsa campestre, sci e, in primavera, di atletica, conseguendo un primo ottimo risultato con la prossima partecipazione ai campionati regionali di sci alpino con due squadre, maschile e femminile. Nel resto del mondo che valore ha lo sport? In Inghilterra chi eccelle nello sport ha la possibilità di ricevere una borsa di studio. In Usa lo sport rappresenta una parte importante della cultura: sin dalle elementari i ragazzini partecipano ai diversi campionati scolastici e ci si allena ogni giorno dopo la scuola. In Australia invece si praticano maggiormente calcio, tennis, football, rugby, cricket e surf, che per gli australiani è vita. In Sud Africa lo sport è usato come strumento di inclusione sociale in attività come golf, polo, surf, windsurf, cricket, ippica, rugby e calcio. In Giappone i ragazzi praticano attività sportive attraverso club e competizioni tra scuole. Qui il sumo è considerato disciplina nazionale. In Brasile lo sport è quasi una religione. Il calcio è nel cuore dei brasiliani, come la pallavolo. E in Cina? Ogni istituto scolastico possiede almeno un campo da calcio regolamentare, una pista di atletica, campi di pallacanestro e badminton. Classe I A

Per leggere la pagina clicca qui