Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Nel Tirreno scoperta l’isola di plastica

LO SAPEVATE che nel vastissimo Oceano Pacifico si trova un’enorme isola di plastica, grande tre volte la Francia? Quest’isola contiene 16 volte più rifiuti di quanto stimato finora: pesci e altre specie nuotano in mezzo a questi e muoiono soffocati. L’isola è formata dai rifiuti gettati nei fiumi, trascinati fino al mare: poi le correnti, con il loro movimento in senso orario, hanno contribuito alla formazione di questo gigantesco ammasso di plastica, che degradandosi crea frammenti di microplastica che entrano nella catena alimentare. Gli studiosi lanciano l’allarme: «Se continueremo a usare fiumi e oceani come discariche, nel 2050 in mare ci saranno meno pesci che plastica. E’ assolutamente necessario ridurre o eliminare l’uso di plastica usa e getta, sostituendola con vetro o acciaio, o introducendo nell’uso quotidiano le bioplastiche. Sono ecologiche e hanno tempi di smaltimento di gran lunga inferiori rispetto a quelle normali, che impiegano dai 100 ai 1000 anni per degradarsi. Un’altra alternativa alla plastica viene dalla canapa e dalla farina di mais: hanno capacità sorprendenti, come la facile lavorabilità e reperibilità. La canapa può essere utilizzata per produrre contenitori o tessuti ecoplastici. Ha un’alta resa, cresce in fretta, e potrebbe addirittura evitare l’abbattimento di alberi per la produzione della carta. Un’altra alternativa alla plastica sono le foglie d’ananas: servono per produrre tessuti ecosostenibili, che potrebbero sostituire quelli sintetici. Se pensate che la raccolta dei rifiuti plastici nei mari e oceani sia lontana dai nostri interessi, fate un grosso errore: recentemente è stata scoperta anche nel mar Tirreno un’isola di plastica. Si si trova a nord ovest dell’isola d’Elba, è composta da frammenti più piccoli di 2 millimetri; una vera minaccia per l’ecosistema dell’Arcipelago Toscano e non solo. Solo pochi giorni fa Legambiente ha rimosso quintali di rifiuti sulle spiagge del Tirreno: l’emergenza è anche nostra! Una notizia positiva: aumentano i tentativi di prevenire la formazione di ulteriori isole di plastica e avanzano le tecnologie che creano macchinari in grado di ripulire i mari. Il desiderio di rimuovere queste isole sta diventando realtà. Nei prossimi giorni, potrete trovare video di approfondimento sul sito http://ilrestodelcarlino.campionatodigiornalismo.it/author/misano/ Manuele Ciaroni, Francesco Fabi, Cristian Silvestro, Giorgia Papa, Angelo Pascucci, Julia Gadda e Emanuele Fiorani

Per leggere la pagina clicca qui