Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Una città proiettata verso il cielo

LA CATTEDRALE di Ferrara sorge al centro della città, non lontano dal Castello Estense. Essa fu consacrata nel 1135 e dedicata a san Giorgio, come si legge nell’iscrizione in volgare, nell’atrio della chiesa. Lo stile romanico del progetto iniziale è testimoniato dalla grandiosa facciata in marmo bianco, a tre cuspidi, che mostra logge, rosoni, finestroni, statue e numerosissimi bassorilievi. La facciata è molto interessante, perché la sua realizzazione è unica nel suo genere. Essa è stata costruita basando la geometria sul cerchio diviso in dieci parti uguali. Il dieci aveva un grande valore simbolico, essendo la somma dei primi quattro numeri: 1+2+3+4, il cosmo più il dualismo più la trinità più la terra = il tutto assoluto. Nella parte centrale della facciata risalta il protiro, con al centro il Giudizio universale, ai cui lati sono inseriti i rilievi raffiguranti Giovanni Evangelista e Giovanni Battista. NEL TIMPANO vi è il Cristo nella mandorla, ai cui lati due angeli con in mano i simboli della Passione e Maria e Giuseppe che, inginocchiati, chiedono perdono per l’umanità. Al di sopra la statua con la Madonna e il bambino e in basso San Giorgio, patrono della città. Il lato sud della Cattedrale è decorato da due logge; su questo lato era presente un secondo grande portale, demolito nei restauri del Settecento, che si affacciava verso via San Romano: era il portale attraversato dai pellegrini che andavano a Roma, in direzione di Bologna. Sul portale vi erano alcune sculture raffiguranti i dodici mesi dell’anno, da cui il nome Porta dei Mesi, in alternativa alla dicitura Porta dei Pellegrini. Sempre sul lato sud, vi è il campanile rinascimentale in marmo bianco e rosa, il cui progetto è attribuito a Leon Battista Alberti, mai terminato e tutt’oggi privo della prevista copertura a cuspide. L’ABSIDE in laterizio presenta archi in cotto e capitelli marmorei ed è opera dell’architetto e urbanista ferrarese Biagio Rossetti. Tra il 2015 ed il 2016 la Cattedrale ebbe una Porta santa, in occasione del Giubileo straordinario della misericordia, voluto da Papa Francesco.

Per leggere la pagina clicca qui