Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Un videoproiettore per la scuola media Biasini

A UN ANNO dall’intitolazione della scuola di San Giorgio a Oddo Biasini, gli alunni hanno festeggiato un nuovo importante evento: l’inaugurazione del video proiettore corredato di maxischermo nell’aula polivalente della scuola, donato dalla famiglia di Oddo Biasini. È avvenuta il 24 gennaio scorso in presenza dei famigliari dell’insigne politico e uomo di scuola cesenate della preside Simonetta Bini. È stato un momento semplice ma intenso in cui noi alunni delle classi terze, gli insegnanti e la dirigente della scuola Anna Frank abbiamo ringraziato per la sua generosità la famiglia Biasini. A rompere il ghiaccio siamo stati noi alunni che abbiamo cantato e suonato un brano scelto da noi: “Wake me up”. Questo brano ha un significato profondo in quanto esprime le avversità che si incontrano durante la vita, in particolar modo durante l’adolescenza e il disorientamento legato alla difficoltà di dover prendere, già alla nostra età, decisioni importanti. Anche la scelta del brano conclusivo “Safe and Sound” non è stata casuale, infatti esso pone l’accento sulla forza che si genera dallo stare insieme. Dopo lo spazio dedicato alle canzoni è stato messo in funzione il videoproiettore ripercorrendo, attraverso un filmato, alcuni dei momenti più significativi dell’intitolazione della scuola avvenuta circa un anno fa. È STATO anche proiettata una registrazione realizzata da alcuni alunni della nostra scuola su un progetto svolto in collaborazione con Hera. Terminata la visione, dopo le parole di ringraziamento della dirigente, è intervenuto il fratello di Oddo Biasini esprimendo innanzitutto la gioia di trovarsi a San Giorgio, il paese in cui è nato ed esplicitando i motivi che hanno spinto la famiglia a concedere un dono così prezioso alla scuola. Questo momento è servito ancora una volta a unirci fra di noi e a legarci alla nostra scuola che, con tappe importanti, ha segnato e reso indimenticabili questi tre anni. Oddo Biasini nacque a Cesena il 13 maggio 1917, ha frequentato le scuole elementari di San Giorgio. I suoi due interessi principali sono sempre stati la scuola e la politica, infatti 24 anni della sua vita sono stati dedicati alla scuola come insegnante e dirigente del Liceo Scientifico. Nel 1968 è entrato in Parlamento, ma il suo spiccato interesse per la scuola è proseguito nonostante i suoi incarichi parlamentari. In una sua riflessione ha scritto che la sua carriera politica era stata del tutto “casuale”, mentre la scelta originaria era la scuola. Infatti è stato un maestro di scuole elementari fino al 1940 quando fu chiamato alle armi. Ha dedicato più anni alla scuola, che alla politica. Nel luglio 1973 e nell’agosto del 1983 gli sono state consegnate delle medaglie dalla presidenza della Repubblica per i benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte. Nel 2007, due anni prima della sua scomparsa ,gli è stato riconosciuto il premio Malatesta Novello-Città di Cesena. IL FATTO più interessante è che la proposta di intestargli la scuola di S.Giorgio è stata avanzata nel 2017, quando non erano ancora trascorsi i dieci anni che di norma intercorrono tra la morte di un personaggio illustre e l’intitolazione di una via, piazza o scuola. Quindi, quella che prima era conosciuta come scuola Media di San Giorgio, è ora il primo istituto che porta il titolo di un politico cesenate. classi 3ªF, 3ªN Scuola media di San Giorgio, coordinate dalla professoressa Valeria Bellettini

per leggere la pagina clicca qui