Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

«Scrivere per conoscere se stessi e gli altri»

DALLO scorso anno la nostra scuola partecipa al progetto autobiografico Costruire ponti, per mettere in dialogo i viandanti condotto da Lidia Gualtiero, esperta in metodologia autobiografica, che abbiamo intervistato. Di cosa tratta il progetto autobiografico? «Consiste nella scrittura di episodi della propria vita – racconta la Gualtiero – la parola autobiografia è formata da autos (sé stesso), bios (vita) e grafia (scrittura): scrittura della propria vita. Questo progetto non studia l’autobiografia come genere letterario, ma come metodologia per conoscere meglio se stessi e gli altri. L’autobiografia nasce nell’antichità, mentre il metodo autobiografico recentemente; è stato applicato non solo nelle scuole, ma anche nel mondo del lavoro». A chi è rivolto? «Inizialmente era una forma di educazione rivolta agli adulti: avendo avuto una vita più lunga, hanno più esperienze da raccontare rispetto ai ragazzi. Negli ultimi anni si è diffuso anche fra i giovani, nelle scuole, perché è uno strumento importante per imparare a comprendere se stessi e a relazionarsi meglio con gli altri. Nell’IC di Misano anche gli insegnanti e alcuni genitori hanno partecipato a questo progetto». Perché si è interessata all’autobiografia? «Ho avuto la possibilità di seguire una formazione con Duccio Demetrio, fondatore dell’università dell’autobiografia di Anghiari: è stato il mio maestro». Qual è lo scopo finale del lavoro autobiografico? «Riuscire ad ascoltare sé stessi e gli altri; quando parliamo di noi non esiste l’errore, semmai il confronto. È importante riuscire a stare bene a scuola; i programmi scolastici dicono che la scuola deve insegnare a fare, ma soprattutto ad essere». Alla maggior parte dei nostri compagni è piaciuto partecipare a questo progetto. Ci ha aiutato a riflettere sulla nostra infanzia, a conoscerci meglio per crescere insieme, anche se qualcuno ha avuto difficoltà a parlare di sé in pubblico. Anche i nostri insegnanti hanno partecipato e in un’aula della scuola ci sarà un’installazione visibile al pubblico dal 28 gennaio. Intervista completa su http://ilrestodelcarlino.campionatodigiornalismo.it/category/rimini (Scuola media Giovanni XXIII). Chiara Gessaroli Luce Berardi Carlotta Angelini Alice Crinella Luca Casadei Giacomo Nardini Tommaso Del Vecchio II E

per leggere la pagina clicca qui