Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Il bullismo entra anche alle medie: i più piccoli nel mirino

TANTE FORME di bullismo sono diventate comuni anche nelle scuole medie. E c’è chi esclama: «Ecco dove sono arrivati i nostri figli!». I quattordicenni fanno scherzi di cattivo gusto ai più piccoli, usando persino la violenza. Un esempio? Recentemente alcuni ragazzini che frequentano la prima classe di una scuola media inferiore si sono lamentati con i loro professori per gli scherzi di cattivo gusto attuati da un altro gruppo di alunni, questa volta di una terza classe, sempre della stessa scuola. Gli studenti hanno rivelato ai loro insegnanti che alcuni quattordicenni si sono approfittati di loro, facendogli brutti scherzi sia all’interno del pulmino, divertendosi a nascondergli lo zaino, sia prendendoli addirittura a calci durante l’uscita da scuola. Insomma, una violenza fisica vera e propria. Probabilmente i ragazzi della terza classe si sono comportati in questa maniera con lo scopo di far credere ai più «piccoli» chi comanda, complice le evidenti differenze di statura tipiche di quella età. I professori, appena ascoltate le rivelazioni dei ragazzi colpiti da questi insani gesti, hanno deciso di adottare dei provvedimenti estremamente seri. Questi «bulletti» sono stati pesantemente redarguiti anche davanti all’intera classe, per fare in modo che si rendessero conto di ciò che avevano fatto «per scherzo». Hanno chiesto scusa di fronte a tutti ed hanno promesso di non farlo mai più. Ne siamo sicuri? Quando finirà realmente tutto questo? Rebecca D’Amico ed Eleonora Marra, classe III E

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI