Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

«Noi, colpiti dalla piaga della droga»

NOI DELLE CLASSI terze di Montefano abbiamo approfondito il tema delle droghe studiando le principali sostanze psico-attive, le loro caratteristiche e i danni che provocano sull’organismo. Abbiamo sempre visto questo tema come qualcosa che non avrà mai a che vedere con le nostre vite, ma ora siamo tutti più consapevoli di quanto, in realtà, vi siano grandi giri di spaccio, persino in realtà piccole. Questa consapevolezza è maturata soprattutto grazie all’incontro a scuola con i carabinieri incentrato sull’aspetto legale delle droghe. I professori hanno scelto di portarci a San Patrignano, centro di recupero per tossicodipendenti con i quali siamo stati a contatto per una giornata. Alcuni ragazzi ci hanno guidato nella struttura e ci hanno dimostrato che, anche dopo essere caduti nel baratro, ci si può rialzare con l’aiuto di qualcuno e ricominciare a vivere. Certo, all’inizio è molto difficile e costa tanta forza di volontà. Abbiamo ascoltato molte esperienze e siamo rimasti colpiti da come l’uso di droghe possa non solo danneggiare il soggetto, ma anche le persone a lui più care, poichè piano piano ci si chiude in se stessi e l’unica cosa importante è trovare una dose per cercare di reprimere il vuoto o il dolore che si prova, anche a costo di rubare. Abbiamo visto negli occhi di coloro che ci parlavano della loro storia il dolore causato dalla rottura dei legami con le famiglie, gli amici e dall’aver perso se stessi; ma nelle loro parole la tristezza lasciava spazio alla fierezza, alla gioia e alla voglia di andare avanti e dare il massimo, quando cominciavano a parlare di come si sentono meglio adesso che hanno ripreso in mano le redini della propria vita, ora che sanno che può essere anche bellissima se la si vive nel modo giusto. Ognuno di noi è rimasto colpito dalle loro storie, dalle loro sofferenze e da come ciascuno di loro vede quel periodo buio: una lezione da cui prendere esempio. Quella giornata ha lasciato senz’altro qualcosa in ognuno di noi. Con questo percorso ci sono state dimostrate quali saranno le conseguenze delle nostre azioni se faremo determinate scelte, se un giorno pensassimo di fumare una canna solo per provare, solo per dimostrare qualcosa a qualcuno perché «tanto non è nulla» e perché «posso fermarmi senza nessuna difficoltà»: non è così, perché una dose di droga equivale a compiere il primo passo verso la morte. Rebecca Bracalenti, Rachele Cappellaccio, Sara Monti, Sara Mancini III C

Per leggere la pagina clicca qui