Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Storie di borghi, fantasmi e bottoni

I RAGAZZI della 2ª D della scuola Raffaello Sanzio hanno letto il libro L’isola perduta, scritto da Barbara Cerquetti, che vive e lavora a Civitanova, dove gestisce da anni una libreria ed è autrice anche dei seguenti libri: Il bosco delle lucciole: una storia di amicizia e avventura sui Sibillini, Il giardino delle farfalle ed altre storie farfallose. L’isola perduta parla di Ancona e di molti bellissimi borghi situati nella provincia; i protagonisti sono una coppia di fratelli, una famiglia quasi normale in cui non va tutto liscio, perché il nonno parla con i fantasmi. «Monte Conero, splendido promontorio a picco sul mare, che sembra promettere a grandi e piccini quieti ristori e piacevoli serenità...» È qui che si svolge la storia. Il libro parla dei fratelli Marco e Astrid, che vivono in un paese della costa marchigiana, il nonno si chiama Giacomo Ferri e ha l’abilità di vedere i fantasmi tramite i bottoni che espone nel suo museo. MARCO sta affrontando il primo giorno alle scuole medie, quando scopre di avere ereditato dal nonno il potere di parlare con le anime dei trapassati. In realtà, tutti pensavano che questo potere sarebbe andato ad Astrid, sua sorella maggiore. Marco non ne parla con nessuno e in un primo tempo, terrorizzato, non sa che fare. Questo potere consiste nell’incontrare i fantasmi di gente per lo più famosa, maneggiando i bottoni che gli sono appartenuti. Finita la scuola, il ragazzo vede un fantasma rimasto bloccato su una barca-carcassa che si trova proprio lungo la strada che Marco percorre per andare a casa: il fantasma è di un marinaio smemorato. Dopo un inizio burrascoso, nasce un’amicizia tra i due e incomincia un’avventura tra viaggi nel tempo, grotte misteriose e tesori scomparsi, al termine della quale giungeranno fino in Croazia, tra profumati campi di lavanda. I ragazzi della 2ª D sono stati molto felici di leggere il libro, ne sono rimasti appassionati e perciò la nostra professoressa di lettere ha organizzato un appuntamento con la Cerquetti. Gli alunni hanno accolto l’autrice a scuola, offrendole un caloroso biglietto di benvenuto e i fiori. Nel biglietto i ragazzi hanno scritto che il libro è bellissimo e ha trasmesso magia. «Sembrava di essere lì quando si leggeva», hanno precisamente dichiarato a Barbara. Cerquetti, esiste veramente il museo del bottone, come è scritto nel libro? «Sì, in Italia esiste davvero e si trova a Sant’Arcangelo di Romagna». Quale è il suo bottone preferito? «Il mio bottone preferito è quello di Maria Antonietta , è quello più strano e fantastico». Alla fine Barbara, prima di andare via, ha scritto una dedica a tutti i ragazzi della classe, ognuno nel proprio libro, il bello è che le dediche sono state personalizzate dalla brava autrice. Matteo Stella, Alessandro Giannini, Noemi Bozzi Cimarelli, Riccardo Grassetti, Christian Kwasnik, Riccardo Garbuglia, Natan Silenzi, Ryan Calascibetta, Tommaso Gaspari, Elvira Matteucci, Luigi Lattina II D

per leggere la pagina clicca qui