Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

«John e Caterina, parlateci di voi»

IMPARIAMO I DIRITTI UMANI I ragazzi della IIA della scuola secondaria di primo grado di Fratta hanno aderito al progetto ‘Attivamente’, proposto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, ‘Meglio informati sui diritti’. L’attività prevedeva un totale di tre incontri di due ore, durante i quali due esperti, John e Caterina, dell’associazione Irasdi ci hanno parlato dei diritti umani, soffermandosi maggiormente sull’argomento dei diritti della donna. Gli incontri prevedevano la partecipazione attiva di noi alunni, spesso a gruppi. Così ci siamo aperti sull’argomento dimostrando, nel nostro piccolo, la conoscenza dei fatti e del mondo, anche al di fuori del paesino di residenza. Il progetto aveva lo scopo educativo di far capire a noi studenti che i diritti non sono frasi scritte su un foglio di carta, ma qualcosa che ci spetta in quanto esseri umani e che per ottenere i quali nel mondo accadono lotte, guerre e rivoluzioni. Ci siamo divertiti imparando. Si è passati dalla teoria (cosa sono i diritti, le dichiarazioni e la condizione della donna nel mondo), alla pratica. Ci siamo più volte messi nei panni di ragazzi e ragazze di altri paesi per arrivare quindi al termine dell’esperienza alla riflessione. Abbiamo avuto in seguito la possibilità di poter realizzare una piccola intervista ai nostri esperti in un ultimo incontro che puntava a conoscere meglio la loro storia e il loro interesse per i diritti umani. Ecco quello che abbiamo raccolto: Racconta qualcosa di te. Caterina: «Ho studiato tre anni scienze politiche nel ramo diritti umani, poi mi sono accorta che volevo lavorare con le persone in difficoltà, quindi mi sono laureata come assistente sociale, ho lavorato con i detenuti e poi in una struttura per i rifugiati di altri paesi. John: «Sono nato e vissuto in Uganda, ma a 14 anni mi sono dovuto separare dai miei genitori per la guerra. Sono venuto in Italia per studiare, sono stato uno studente lavoratore e mi sono laureato in Scienze Politiche. Ho collaborato a diversi progetti in Africa e in altri paesi poveri. Ora sono docente universitario di Pedagogia Interculturale e continuo a occuparmi di associazionismo e progetti in varie parti del mondo. Come e dove vi siete incontrati? John: «Ci siamo incontrati in un’equipe lavorativa, poi Caterina si è unita alla mia associazione che è nata il 14 luglio del 2004». Come si chiama la vostra associazione? John: «Irasdi è un acronimo e significa: Italian, Research Association (for) Sustainable Development Initiatives, è un’associazione non a scopo di lucro con lo scopo di sostenere iniziative di co-operazione e ricerca per lo sviluppo sostenibile». Susanna Baccaglini Martina Cigarini Edoardo Rossi Cronisti della classe II A

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI