Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Una domenica dedicata a Van Gogh

DOMENICA, sì proprio domenica, 4 febbraio 2018, noi ragazzi delle classi terze della scuola secondaria di Poviglio, insieme ai genitori, ad alcuni professori e alla preside (per un totale di ben 75 partecipanti, a bordo di due pullman) siamo andati a visitare la mostra Van Gogh Alive-The Experience, a Verona, al Palazzo della Gran Guardia. Appena entrati ci siamo trovati in una stanza in cui erano esposti alcuni pannelli che spiegavano la vita di Van Gogh e una bellissima riproduzione de La camera di Arles. Nelle altre due stanze, invece, un video proiettava su enormi schermi i suoi quadri. Ci si trovava letteralmente ‘immersi nell’arte’ a tal punto da non sapere da che parte guardare. Il video raccontava la vita del pittore utilizzando tremila immagini di ottocento sue opere e frasi tratte dalle lettere inviate a suo fratello Théo. La proiezione era accompagnata dalle note di musicisti classici, come Vivaldi, Schubert e tanti altri. DOPO pranzo abbiamo visitato la città ammirandone i monumenti più importanti: la casa e il famoso balcone di Giulietta, dove ci sono più scritte che balcone, la casa di Romeo, il Ponte Scaligero, le Arche Scaligere, le vecchie case, con finestre che iniziano a più di due metri da terra per rendere più difficile ad un eventuale nemico di entrare, Piazza Bra, Piazza delle Erbe e l’Arco della Costa, dove si trova appesa la misteriosa costola di balena. DURANTE la visita ci siamo avvalsi di una guida esperta: il professor Emanuele Ghisi, nostro insegnante di Arte e organizzatore, insieme ad alcuni genitori, del viaggio. Siamo rientrati a Poviglio in serata, stanchi, ma soddisfatti di aver potuto fare, grazie a questa insolita iniziativa, un’uscita molto interessante ma anche divertente, che ci ha permesso di trascorrere una bella domenica in compagnia. E a breve si replica: domenica, sì proprio domenica, 13 maggio avremo l’opportunità di recarci a Forlì alla mostra L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio. Agnese Capece III A

per leggere la pagina clicca qui