Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

«Capire l’adolescenza e gestire lo stress»

COSA RAPPRESENTA l’adolescenza e come si può affrontare questa fase critica della vita nella maniera migliore possibile? Quali sono i comportamenti a rischio in adolescenza? Come è possibile evitarli? Come si sente una vittima di bullismo o cyberbullismo? A queste e ad altre domande noi alunni della IIC dell’istituto comprensivo «Simone De Magistris» tentiamo di rispondere ogni martedì pomeriggio assieme allo psicologo Marco Pascarella, attraverso dei giochi, confrontandoci e riflettendo insieme. Scompaiono i banchi e ci disponiamo a cerchio in modo da guardarci negli occhi. Marco, il nostro psicologo, espone una tematica o un problema e su quello noi esprimiamo i nostri pensieri, le nostre idee, le nostre difficoltà, ma anche le nostre curiosità. All’interno del cerchio scompaiono anche i ruoli, diventiamo tutti uguali, non ci sono più insegnanti e alunni ma solo persone. Grazie a lui riusciamo a tirare fuori le nostre emozioni, i nostri sentimenti e i nostri problemi, che spesso sono difficili da affrontare quando ci si sente soli. Questi incontri fanno parte del progetto di prevenzione primaria «Life-Skills – Ricomincio da me 2017-2018» a cui il nostro Istituto ha aderito, il progetto si focalizza sull’adozione di interventi e comportamenti in grado di ridurre i fattori di rischio, tra cui anche ansia e stress, da cui potrebbero derivare atteggiamenti antisociali. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), infatti, le Life Skills sono quell’insieme di abilità personali e relazionali che permettono ai ragazzi di affrontare in modo efficace i problemi, le pressioni e i fattori di stress che la vita quotidiana ci dona per metterci alla prova. L’obiettivo è creare un rapporto basato su fiducia, rispetto e alleanza, non solo con gli altri e con la comunità, ma anche con se stessi. La mancanza di tali abilità può causare, in particolare nei giovani, l’instaurarsi di comportamenti negativi e a rischio in risposta agli stress. Il progetto si focalizza su diversi argomenti, scelti da noi durante il primo incontro, come cos’è l’adolescenza, comprendere ed evitare i comportamenti a rischio, bullismo e cyberbullismo (riconoscere il fenomeno ed evitarlo). Abbiamo cominciato affrontando proprio il cyberbullismo che è simile al bullismo, solo che si manifesta attraverso l’utilizzo sbagliato di internet. Oggi i casi di cyberbullismo e bullismo sono tanti purtroppo, tanto che ogni anno una buona percentuale dei suicidi tra i giovani è dovuta proprio ad essi. Un consiglio che possiamo dare alle vittime di questi fatti, è di raccontare subito a qualcuno (genitori, professori o amici), quanto stanno vivendo, in modo tale da non dover affrontare tutto da soli. IIC istituto ‘De Magistris’

per leggere la pagina clicca qui