Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

La tecnologia? Utile se non ne abusiamo

LA TECNOLOGIA è ormai entrata a pieno titolo nella nostra vita quotidiana. L’introduzione dei dispositivi tecnologici nella scuola e la sostituzione dei libri cartacei, a mio parere, non è del tutto sbagliata perché se utilizzati correttamente possono aiutare gli studenti nello studio e non solo. Nel mio caso è assolutamente così, il pomeriggio quando svolgo i compiti utilizzo spesso e volentieri il computer, per due semplici motivi: è più veloce e si è al passo con i tempi pertanto è bene utilizzarlo. Talvolta i dispositivi digitali, a differenza dei libri cartacei, possono offrire contenuti interattivi che spesso facilitano studio e apprendimento. L’era in cui viviamo però ha cambiato il modo di comunicare; i giovani ormai utilizzano SMS tramite WhatsApp, Instagram e Facebook. Se questi dispositivi vengono impiegati in modo non adeguato, per esempio per lunga durata possono essere dannosi per la vista e per il nostro cervello a causa delle radiazioni e della dipendenza. Internet non ha solo aspetti negativi ma anche positivi, per esempio, si possono fare ricerche in poco tempo, senza sfogliare pesanti testi. Un altro aspetto molto importante a favore dei dispositivi digitali è l’impatto ambientale, per un minor impiego di cellulosa. La tecnologia, in questi anni ha permesso di raggiungere obiettivi prima impensabili, non solo in ambito scolastico ma anche in altri campi come, ad esempio, in quello sanitario, dove persone con varie disabilità; non vedenti, sordi o paraplegici, hanno potuto raggiungere buoni risultati. Ad esempio una tastiera braille ha consentito ai non vedenti di scrivere da soli senza aiuti. Quest’anno, ad esempio, con il professore di educazione fisica abbiamo effettuato registrazioni audio, inserito foto riferite a vari atleti, per realizzare un CD destinato ai non vedenti per l’ascolto. Ecco questa attività ha lo scopo di facilitare percorsi. Io ho terminato questo lavoro e sono contenta del risultato. Ci sono anche considerazioni negative da fare sul digitale, esso potrebbe creare problemi morali, per esempio se si utilizzano giochi non appropriati. L’anno scorso era in voga un gioco, che consisteva nel mettersi alla prova anche rischiando la propria vita. Credo che ci siano molti altri modi per divertirsi, magari in compagnia, si può andare a giocare a pallone con gli amici o uscire. Io tutti i giorni prima di iniziare i compiti vado a fare un giro con la mia cagnolina, per prendermi qualche momento di libertà. Quando ci vado, con me non porto dispositivi, per il semplice motivo che non ne sento l’esigenza.

Per leggere la pagina clicca qui