Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Il carnevale, la giornata della creatività

 
 

LA GIORNATA del Carnevale è molto attesa dagli alunni della Scuola secondaria di primo grado Lelio Orsi di Novellara, perché possono dare sfogo alla loro creatività. Per i corridoi della scuola si vedono oggi ragazzi travestiti o intenti a truccarsi. In questa occasione, infatti, ogni classe dell’istituto decide insieme il tema del proprio travestimento e alcune settimane prima gli alunni, coordinati dalle professoresse di arte, creano i costumi. Oltre ai costumi, i ragazzi devono preparare una scenetta o un balletto, corredati da una colonna musicale adeguata, da presentare al giudizio di una giuria il giorno del Carnevale. In questa giornata scolastica speciale e diversa dal solito, già di prima mattina, tutti sono agitati ed emozionati. Il tema scelto da una classe, la II E, è molto particolare ed ha un titolo accattivante: «Il cibo è fico!». Gli alunni della classe spiegano: «Il nostro spettacolo racconta di alcuni cibi che cercano di scappare da una bocca gigantesca, che vorrebbe divorarli tutti. Quando i cibi riescono a fuggire dalle sue grinfie, la bocca cade disperatamente esausta a terra. Tra noi c‘è chi è vestito da enorme zucchina verde, chi da tonda ciambella rosa, chi da coltello, cucchiaio o forchetta e quando saremo tutti in scena si vedrà un’esplosione di colori e il divertimento sarà assicurato» Altri ragazzi aggiungono: «Oggi ci dobbiamo esibire davanti alla giuria. Ci siamo esercitati tanto, ma temiamo sempre che qualcosa vada storto: speriamo che l’ansia e l’emozione non ci facciano sbagliare. L’unica cosa da fare, prima di entrare in scena, è fare un bel respiro e, cosa più importante, divertirsi!». L’Istituto Orsi di Novellara organizza il Carnevale a scuola ormai da diversi anni, attribuendo a questo tipo di attività un importante valore educativo, come anche gli stessi studenti sottolineano: «Pensiamo che l’esperienza del Carnevale sia educativa, perché ci insegna a stare insieme e ad elaborare un pensiero comune. L’occasione di questa festa e di tutte le attività precedenti per allestirla, secondo noi, ci permette di conoscere meglio i nostri compagni, ma anche di divertirci e di vivere una giornata scolastica, diversa dalle altre, in serenità. Lavorare con i compagni per la creazione dei costumi e per l’ideazione della scenetta ci ha permesso anche di divertirci molto e ci ha dato l’occasione di unirci non solo come classe, ma di diventare veramente un gruppo affiatato. Per questo ci sentiamo di consigliare alle altre scuole di festeggiare il Carnevale come viene fatto nel nostro Istituto». Classe II E

per leggere la pagina clicca qui