Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Trovare la rotta per il futuro

OGNI ANNO tra gennaio e febbraio migliaia di ragazzi italiani devono scegliere la scuola superiore. È un momento difficile e delicato, perché rappresenta la prima importante decisione per il futuro. In quale direzione andare? Noi in questi anni ci siamo avvicinati al tema dell’orientamento da diverse angolazioni, considerando tre aspetti principali: conoscere noi stessi, i vari indirizzi di studio e il nostro territorio. Durante il secondo anno abbiamo partecipato al progetto Orientamento Consapevole attivato dal Museo del Patrimonio Industriale, attraverso il quale abbiamo approfondito la storia dell’industria bolognese. Abbiamo poi visitato l’azienda Marchesini, allargando i nostri orizzonti sulle specificità produttive della nostra regione. Quest’anno abbiamo dedicato i primi mesi di scuola alla riflessione su noi stessi: che cosa ci appassiona? In quali ambiti riusciamo a dare il meglio? Per approfondire la conoscenza degli istituti superiori ci siamo avvalsi dell’utilissima sezione ‘La scuola che voglio’, sul sito dell’Ufficio Scolastico di Bologna. Dopo aver analizzato i vari piani di studio, attraverso l’indagine Excelsior delle Camere di Commercio di Bologna abbiamo appreso quali sono i titoli di studio e i profili professionali più richiesti nella nostra provincia. PURTROPPO gli stereotipi sono ancora molto diffusi nella nostra società, ad esempio ci sono scuole considerate di serie A, i licei, di serie B, gli istituti tecnici, di serie C, i professionali. Sono radicati anche gli stereotipi di genere, che allontanano le ragazze dai percorsi di studio più orientati verso le scienze e la tecnologia. Abbiamo riconosciuto l’importanza di abbattere questi stereotipi e di superare i condizionamenti, sia da parte dei familiari sia da parte dei nostri coetanei. ALL’OPIFICIO Golinelli abbiamo incontrato gli autori Davide Morosinotto e Samuele Perseo, che ci hanno raccontato come hanno trasformato le loro passioni per i videogiochi in vere e proprie professioni. In linea con i nuovi obiettivi individuati dall’USR-ER, abbiamo visitato il Liceo Artistico Arcangeli del nostro quartiere, che ci ha ospitato per un attività di orientamento ‘peer to peer’, facendoci vivere una mattina ‘da ragazzi grandi’. Grazie a queste opportunità speriamo di essere riusciti a fare una scelta consapevole, che ci renda liberi di essere noi stessi e felici di non esserlo ancora!

Per leggere la pagina clicca qui