Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

I rischi della rete: ecco come evitarli

IL TEMA su cui ci siamo confrontati per questo nostro secondo articolo è il cyberbullismo, in particolar modo documentandoci sul Safer Internet Day, che si è celebrato il 6 febbraio 2018 al Teatro Brancaccio di Roma, alla presenza del Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli. Prendendo spunto dalla giornata celebrata nella capitale, abbiamo riflettuto anche noi su argomenti riguardanti la navigazione sicura, in particolare leggendo il “Decalogo della Polizia Postale per la sicurezza in rete”. Abbiamo scelto, all’interno di questo documento, le regole che ci hanno colpito di più ed a cui forse non abbiamo mai pensato con attenzione: creare profili con nomi equivoci o postare messaggi allusivi a una disponibilità sentimentale potrebbe richiamare l’attenzione dei malintenzionati della rete. Tenere segrete le password di accesso ai nostri profili sui social è fondamentale perchè compagni di classe e conoscenti potrebbero utilizzarla per sostituirci e commettere azioni scorrette a nostro nome o per diffondere informazioni riservate. Anche cercare di ottenere la password di altri utenti, seppur animati dalle più innocenti intenzioni, costituisce un reato punibile dalla legge: con troppa leggerezza entriamo ed usciamo dai nostri e altrui profili... «Se leggi o vedi qualcosa su Internet che ti fa sentire a male, parlane subito con i tuoi genitori o con i tuoi insegnanti. Se qualcuno che ti sembrava simpatico comincia a scrivere cose strane in chat o manda e-mail che non ti piacciono, bloccalo e parlane subito con i tuoi genitori»: anche su questo fronte possiamo fare di più, dando fiducia a quegli adulti che forse talvolta sentiamo un po’ invadenti, ma di noi si interessano sinceramente. «Nelle chat con sconosciuti, nei forum, nei blog o nei giochi di ruolo non dare mai, senza il permesso dei genitori, informazioni personali come cognome, età, indirizzo, numero di telefono, scuola frequentata. E prima di inserire i tuoi dati personali su Internet, controlla che siano presenti i segni che indicano la sicurezza della pagina. Nella società dove violare la privacy delle persone è reato, siamo spesso noi stessi a minacciare la nostra sicurezza registrandoci con troppa facilità su siti e portali. Per questo dobbiamo evitare di creare gruppi o di postare foto che inneggino a comportamenti indesiderabili. Il nostro profilo va impostato in modo da consentirne la visibilità solo agli amici. Abbiamo anche riflettuto sul fatto che la pubblicazione di una foto può perfino portare al suicidio, perché oggi viene data molta importanza alla pubblica reputazione. E quando questa immagine pubblica viene minacciata, la vergogna è al limite e si sente il bisogno di diventare invisibili. E se proprio volessimo prevenire ogni possibile problema con la rete? Riprendiamoci un bel romanzo per ragazzi e tuffiamoci in un mondo che ci farà sognare. Classe 3D Palagano

Per leggere la pagina clicca qui