Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Noi, ragazzi bolognesi, e lo sport

OGGI quasi tutti pratichiamo sport poiché è risaputo che esso migliora il nostro stato fisico e psicologico. Soprattutto i ragazzi traggono benefici dall’attività fisica, perché apprendono a giocare di squadra e a conoscere il proprio corpo, stimolandone le potenzialità, ma anche perché imparano a misurare i propri limiti, a scaricare le tensioni e ad aumentare la propria stima. Ancora oggi però quasi la metà dei ragazzi non pratica sport; questi, infatti, per vari motivi non svolgono attività sportive e per esempio, preferiscono stare davanti alla televisione o al tablet, oppure i genitori li considerano dei fenomeni perciò questi alla prima difficoltà abbandonano per timore di deluderli. IL RIMANENTE 48% dei ragazzi, invece, pratica attività sportive molto semplicemente perché si diverte nel farlo o per stringere nuove amicizie. Per quanto riguarda l’area bolognese, gli sport più praticati dai giovani sono: il calcio (48%), la pallavolo (23,4%), la danza (22,3%), la ginnastica (12,8%) il nuoto (8,3%), il basket (6,7%). In percentuali minori, ma in forte aumento, troviamo anche il rugby e la scherma. Tra sport di squadra e sport individuali, i maschi preferiscono i primi, in particolare il calcio, mentre le femmine prediligono la pallavolo. A PROPOSITO di calcio e basket, a Bologna sono tantissimi i tifosi che seguono questi sport: il Bologna Fc 1909, per esempio, ha già sottoscritto 8mila abbonamenti, mentre la Virtus e la Fortitudo rispettivamente 4.217 e 4.801 (i dati si riferiscono a settembre 2017). La Virtus, grazie a 15 scudetti e otto Coppe Italia, è il secondo club più titolato d’Italia: a livello Europeo vanta due Euroleghe; invece la Fortitudo ha vinto i suoi cinque trofei nazionali tra gli anni ’90 e il 2000. A LIVELLO nazionale la Virtus è sostenuta da 370mila tifosi invece la Fortitudo da 289mila circa. Le tifoserie delle due squadre sono molto vivaci e appassionate e non mancano gli ‘sfottò’ verso i rivali, soprattutto durante i derby dove la città di Bologna si divide letteralmente in due: i sostenitori della V nera e quelli della F scudata. Passando al calcio, nella nostra città è facile incontrare spesso vip allo stadio Dall’Ara, come Gianni Morandi, Cesare Cremonini, Andrea Mingardi, Pier Ferdinando Casini...

per leggere la pagina clicca qui