Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Centro senza auto: i costi e i benefici

UNO dei maggiori problemi che affliggono le grandi città è l’eccessivo traffico e il conseguente alto livello di inquinamento. Nel 2017 trentanove capoluoghi hanno superato il limite di 35 giorni consentito per l’emissione di polveri sottili, e ben cinque città hanno oltrepassato la soglia di 100 giorni di smog oltre i limiti. È necessario perciò intervenire per diminuire il livello di inquinamento delle città, chiudendo i centri al traffico; in questo modo infatti è possibile ridurre l’inquinamento atmosferico e acustico, tutelando la salute delle persone, l’ambiente, i monumenti storici e artistici. Ne beneficerebbe anche l’aspetto estetico del centro, in cui si potrebbe sostituire l’asfalto (composto da catrame, un derivato del petrolio, molto inquinante) con cubetti di porfido o masselli, creare isole pedonali, piste ciclabili, aiuole fiorite e parchi. La città sarebbe più a misura d’uomo (e di bambino) e anche il turismo e i negozi ne trarrebbero vantaggio perché sarebbe più gradevole passeggiare per le vie del centro. D’ALTRA parte c’è chi ritiene che chiudere il centro al traffico non sia sufficiente a ridurre l’inquinamento, ma semplicemente sposterebbe il problema del traffico (e dei parcheggi) in periferia. Inoltre si creerebbero disagi nel trasporto di merci pesanti e ingombranti in centro e alcuni negozianti sostengono che le loro vendite diminuirebbero a cause della minor affluenza dei veicoli. Non da ultimo rimane il problema di chi lavora e/o vive in centro e non potrebbe arrivare in macchina a casa o sul posto di lavoro. In realtà il problema del traffico e dei parcheggi in periferia potrebbe essere risolto attraverso la creazione di una rete efficiente e accessibile dei mezzi pubblici, che permetterebbero spostamenti per lavoro e tempo libero a basso impatto ambientale: ovviamente i mezzi pubblici dovranno essere ecologici e non diesel o benzina! Un centro senza automobili e inquinamento attirerebbe sicuramente più turisti. BISOGNEREBBE riorganizzare la città in modo da vederla come un luogo dove non solo si lavora e si produce, ma in cui viviamo, quindi deve essere pulita, sicura e meno inquinata possibile. Forse chiudere il centro al traffico non risolverà del tutto il problema dell’inquinamento, ma è un passo avanti e potrebbe far capire a molte persone che si può vivere benissimo anche spostandosi senza la propria automobile. Francesca Calamelli

per leggere la pagina clicca qui