Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

«E’ importante accettare gli altri»

WONDER è un film di genere drammatico, privo di vittimismo e retorica; non è assolutamente scontato, pur avendo vari precedenti nella storia del cinema. Il piccolo August Pullman (Jacob Tremblay) è il protagonista: “Auggie”, un bambino affetto dalla sindrome di Treacher Collins, malattia dello sviluppo craniofacciale, è in procinto di frequentare la prima media in una scuola americana. Costretto fino ad allora a studiare a casa, con la mamma, a causa dei numerosi interventi chirurgici al viso, è la prima volta che August entra in una classe di coetanei, mangia alla mensa della scuola o parte in campeggio coi compagni. Nonostante le preoccupazioni di mamma Isabel (Julia Roberts), che ha messo in standby la sua vita dopo la nascita di Auggie, e di papà Nate (Owen Wilson) che lo sorregge anche con la sua ironia, sostiene gli sguardi curiosi e diffidenti degli studenti con fierezza e dignità, facendo il suo ingresso nella scuola come un supereroe, o piuttosto come un astronauta, deciso a piantare la sua bandiera in un mondo inesplorato. Mentre la famiglia, e tanti suoi nuovi compagni di classe imparano ad accettarlo, lo straordinario viaggio di Auggie li unirà tutti, dimostrando anche che non puoi omologarti quando sei nato per distinguerti; alla fine riuscirà a distinguersi: riceverà una standing ovation.. AUGGIE sconfigge sguardi e bulli che spesso assumono un atteggiamento minaccioso e offensivo nei suoi confronti a causa dello sbagliato insegnamento dei genitori, che rifiutano la disabilità e che vedono nella bellezza un valore importante (come accade purtroppo nella vita reale). Auggie imparerà anche a togliere finalmente il suo casco e mostrarsi a tutti grazie alla famiglia e alla sorella, Via, molto comprensiva che capisce che i suoi problemi sono più piccoli di quelli di Auggie e quindi li mette da parte. Il film insegna che bisogna accettare ognuno per quello che è: se non può cambiare lui, cambieremo noi il nostro sguardo, il nostro pensiero o l’idea che ci siamo fatti! Questo riescono a farlo i ragazzi, non gli adulti! Nel film trovano spazio i valori dell’amicizia, come quella che lega Auggie a Jack e Summer, Via a Miranda, e della gentilezza come nel precetto del Sig. Brown: «Se dovete scegliere tra essere giusti o gentili, siate gentili!». La scuola, l’educazione, il rispetto, la gentilezza, la famiglia, l’amicizia ne escono forti e vincenti. Wonder è un film rivolto ai ragazzi che deve essere visto anche dagli adulti: dà insegnamenti universali, adatti a tutti! I ragazzi della 2 G

per leggere la pagina clicca qui