Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Informarsi sui buchi neri della Rete

NOI ADOLESCENTI di oggi è vero che siamo figli della tecnologia, ma troppe volte non siamo adeguatamente informati, questo ci espone e ci rende potenziali bersagli della rete, ignari dei pericoli e inconsapevoli delle conseguenze di ciò che facciamo. Un ex ‘gioco’ stava spopolando sui social, si chiamava Blue Whale, Balena Blu. Una vera e propria sfida che consisteva nel superare 50 prove in 50 giorni alcune di queste erano: tagliarsi, disegnare balene, guardare video psichedelici e ascoltare musica deprimente. Tutto questo era controllato da un ‘curatore’ che infine ci avrebbe condotto alla morte. SOCIAL network, forum, chat e siti vari, al giorno d’oggi vengono tutti usati per comunicare. Pur essendo così familiari, dovremo però tenere bene a mente che le informazioni pubblicate attraverso l’utilizzo di questi servizi, oltre ad essere accessibili a chiunque, rimarranno memorizzate su Internet per un imprecisato periodo di tempo. Questo, purtroppo, potrebbe favorire l’azione di pirati informatici e persone malintenzionate. INTERNET è una immensa risorsa che offre la possibilità di conoscere nuova gente e tenersi in contatto con le persone che già si conoscono: piacciono praticamente a tutti. Le chat e i servizi di messaggistica istantanea, come ad esempio Skype o WhatsApp, permettono di fare proprio queste ed altre interessanti cose. In questi casi, tuttavia, non dovremo mai abbassare la guardia perché anche in queste situazioni possono nascondersi rischi e insidie. A PRESCINDERE dai servizi che utilizziamo abitualmente, non dovremo mai dare confidenza e informazioni strettamente personali, almeno non prima di aver conosciuto realmente (magari in un luogo pubblico e affollato), la persona con cui stiamo comunicando, e aver perciò appurato che si tratta di qualcuno di affidabile. La nostra scuola per metterci in guardia dai pericoli del web, organizza annualmente incontri con carabinieri e polizia postale. Classe 2ª C

Per leggere la pagina clicca qui