Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Turismo invernale, indotto milionario

FANANO vanta una doppia fortuna: il palaghiaccio, unico nel modenese, e la stazione sciistica del Cimoncino. Un’offerta turistica importante, come spiega il sindaco Stefano Muzzarelli. Muzzarelli, che ruolo hanno le due strutture sull’andamento turistico invernale? «Fanano è molto fortunato. Ha due importanti strutture: il Cimone con le piste da sci, e il palaghiaccio, una struttura polifunzionale che offre al turista un servizio alternativo allo sci. A Fanano si viene per il territorio, per i servizi e per le strutture sportive, tanto che il turismo a Fanano occupa il 70% dell’economia del paese». Qual è il bilancio turistico dell’inverno fino ad ora? «La stagione è iniziata molto bene per le piste da sci, grazie alla neve e al bel tempo. Abbiamo avuto record di auto al Cimoncino (mille in un giorno). Anche il bilancio al palaghiaccio è positivo. Le vacanze natalizie sono andate molto bene, sicuramente meglio degli scorsi anni». Oltre ai turisti, qual è la percentuale di residenti, e di che età, che praticano sport invernali? «La forza del palaghiaccio e delle piste da sci è quella di attirare anche tantissimi residenti, ragazzi e bambini del posto. Senza contare l’indotto economico lasciato dai turisti per le attività della zona: il comprensorio del Cimone incassa, in media, in una stagione quasi 5 milioni di euro, che generano un indotto di 18 milioni». Quali investimenti ha fatto l’amministrazione al palaghiaccio? «Negli ultimi 3 anni abbiamo provveduto ad adeguare il palaghiaccio, che ha 30 anni di vita, alle normative sulla sicurezza e antincendio. Abbiamo rifatto gli impianti elettrici, investito nelle sale macchine, sistemato vetrate e balaustre, rifatto il fondo, chiuso una parte delle tribune e installato pannelli fotovoltaici sul tetto; abbiamo investito complessivamente 650 mila euro». Quali sono i progetti futuri per il palaghiaccio? «Vogliamo che il palaghiaccio diventi un palasport, chiuso su tutti i lati: un intervento che permetterebbe di ospitare un maggior numero di manifestazioni. Ad aprile il palaghiaccio ospiterà ‘Simulimpresa’, con 1500 ragazzi. Per l’estate stiamo lavorando per ospitare un concerto che superi quello dei Nomadi dello scorso anno che contò all’incirca 2900 spettatori». Il futuro della stazione: novità? «Abbiamo investito un milione e 200 mila euro sulla viabilità che porta alla stazione, per allargare la strada. Grazie ai fondi messi a disposizione da Regione e Governo (7,5 milioni di euro per i 4 comuni del Cimone), realizzeremo Baby Park, bacini d’acqua artificiali, miglioreremo impianti e sistemi di innevamento». Si può aggiungere qualche nuovo sport invernale per migliorare l’offerta turistica? «Dobbiamo lavorare per valorizzare anche altri sport, come lo sci d’alpinismo, lo sci di fondo e le ciaspole, che stanno avendo un incremento significativo». Classe II C di Fanano

Per leggere la pagina clicca qui