Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Maestri di musica in mezzo a noi

INTERVISTA a Guido Guidoboni, maestro di tromba jazz e nostro insegnante. A che età ha iniziato a suonare? «Ho cominciato a suonare a 3 anni l’armonica a bocca. Fin da piccolo avevo già un istinto musicale». Lo strumento che suona, la tromba, la rappresenta anche caratterialmente? «Gli strumenti a fiato sono i più difficili e per questo mi sono dedicato alla tromba. La domanda è centrata, la tromba rispecchia il mio carattere perché il suono di essa può essere dolce o aggressivo e questo è un po’ il mio carattere». Da quanto tempo insegna musica, e perché? «Avevo 26 anni. Insegno perché quando si ha una passione si sente la necessità di condividerla». Intervista a Ugo Rosati, insegnante di musica da noi e tenore nel coro del Comunale. Quando ha iniziato la sua carriera da cantante lirico? Le persone apprezzano questa musica? «Ho iniziato a studiare canto a 18 anni, ma studio musica da quando ne avevo sei. Sì, molti giovani vengono a teatro». Ha mai partecipato a talent show o altri concorsi? Come prepara la voce? «A talent no, ma ho partecipato a concorsi e audizioni. I cantanti sono come gli atleti, prima di un’esibizione devono scaldare la voce con appositi esercizi: i vocalizzi». Che emozione prova prima di cantare? «Sono agitato prima di salire sul palco, però poi mi rilasso, mi lascio travolgere dalla musica». È stato difficile per la sua famiglia assecondare questa passione? «Non tanto, i miei genitori mi hanno sempre sostenuto e aiutato durante tutto lo studio della musica. È stato difficile per me conciliare lo studio delle materie scolastiche e dello strumento». Come mai ha deciso di fare proprio canto lirico? «Se devo essere sincero non è che mi piacesse tanto la lirica, però per studiare uno strumento bisogna fare il solfeggio cantato. La mia maestra mi ha detto che avevo una bella voce e mi ha spinto in quella direzione. A 18 anni ho iniziato a studiare canto al conservatorio. Feci un’audizione, andò bene ed eccomi qua! Ma ora devo scappare, ho le prove di ‘Bohème’...». Jazz ad Argelato! Alla nostra scuola la musica sta a cuore: il 30 maggio scorso è stato organizzato al Teatro di Argelato un concerto jazz. L’occasione è venuta dalla presenza di maestri di musica in sala insegnanti: Andrea Calì e Gabriele Benfenati. L’Andrea Calì Trio si è esibito con Gabriele come special guest. Il professor Michele Ruggeri ha organizzato, con la dirigente Maria Rosa Borghi, questa meravigliosa iniziativa.

per leggere la pagina clicca qui