Campionato di Giornalismo il Resto del Carlino

Gessica: «Non mi sono mai arresa»

I NOSTRI professori quest’anno ci hanno fatto vivere una bellissima esperienza: l’incontro con Gessica Notaro, la ragazza che circa un anno fa è stata aggredita con l’acido dal suo ex ragazzo. Il racconto della sua storia, di come il suo ex l’abbia sempre maltrattata psicologicamente per poi arrivare a ferirla nel modo più vigliacco, il ricordo della domanda alla madre, «mi sto sciogliendo?», l’essere costretta a mettere sempre un velo protettivo, fare riabilitazione ogni giorno per poter parlare e muovere il viso, tra forti dolori, e sottoporsi a continui interventi, ci ha sicuramente colpiti. Questa esperienza ci ha aiutati a crescere: trovarsi di fronte una persona che è vittima di questi atti violenti fa capire tante cose. Due quelle fondamentali: la prima è che non bisogna mai dipendere da qualcuno e la seconda che, se anche ti accadono fatti terribili come questi, bisogna avere la forza di non arrendersi e di andare avanti con coraggio e determinazione proprio come ha fatto Gessica. L’incontro con Notaro è stato molto bello anche perché ci ha dato la possibilità di farle delle domande. Di conoscerla più da vicino e lei si è resa subito disponibile con tutti noi. Cosa l’ha spinta ad andare avanti ? «Non volevo dare una soddisfazione al mio aggressore né dare un dispiacere alle persone che mi sono state vicino». Ha mai pensato di arrendersi? «Sì, in realtà ci ho pensato, specialmente nel periodo subito dopo l’aggressione, quando il dolore era tanto. Però la vicinanza dei miei cari e la fila lunghissima di persone fuori dalla mia camera mi stimolava ad andare avanti e a non arrendermi, anche davanti a questa grandissima difficoltà». Ciò che mi è rimasto particolarmente impresso di questo incontro non è stato tanto l’aspetto fisico di Gessica, anche se i danni causati dall’acido sul suo viso sono evidenti, quanto la forza di volontà e la determinazione di questa ragazza che in un momento difficile ha avuto il coraggio di reagire. E’ molto bello che lei voglia trasformare la sua brutta esperienza in qualcosa di positivo andando a parlare con i giovani, mettendoli in guardia perché capiscano che certe cose possono capitare a tutti, e quanto sia importante avere un rapporto d’amore sano. Sara Monti III C

per leggere la pagina clicca qui